Stai Leggendo
10 top skill più richieste nei lavori del futuro

10 top skill più richieste nei lavori del futuro

Skill più richieste dai datori di lavoro in futuro

Le competenze più richieste dalle aziende nei prossimi anni

Con la quarta rivoluzione industriale in atto, un CV vincente non si basa più solo su lauree e precedenti esperienze lavorative. Per dimostrare di essere dei validi candidati, perfetti da assumere, dobbiamo dimostrare di possedere anche certe skill.

Il mondo del lavoro è innovativo e ragionare come se fosse statico è un grande, imperdonabile, errore. Basti pensare che nell’ultimo secolo abbiamo visto tre rivoluzioni industriali, ognuna delle quali ha cambiato la metodologia di lavoro che le precedeva.

Secondo McKinsey, società internazionale di consulenza manageriale, entro il 2030, tra 75 e 375 milioni di persone rischieranno di perdere il lavoro a causa dell’automatizzazione. Questo processo ha avuto una spinta durante la pandemia causata dal Covid 19 dato che è stato favorito dal distanziamento sociale. Stiamo parlando della fine del mondo o di una grande opportunità?

Tranquillo, niente paura. Sempre secondo un sondaggio di McKinsey, grazie a questo epocale cambiamento, ci saranno più posti di lavoro rispetto a quelli che scompariranno.

Una cosa è certa. Nasceranno nuovi lavori, serviranno nuove competenze. È giusto prepararsi al cambiamento prima ancora che avvenga perciò andiamo a vedere quali saranno le skill richieste in ambito lavorativo per questo nuovo mondo.

“Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare.”

Winston Churchill

Top skill più richieste nel mondo del lavoro in futuro

1. Intelligenza emotiva

L’intelligenza Emotiva è la capacità di riconoscere, identificare e comprendere le emozioni proprie e quelle delle altre persone.

“Le emozioni sono il potere più straordinario dell’intero pianeta. Le emozioni sono il tuo carburante.”

Tony Robbins

Le emozioni hanno un fortissimo impatto nella nostra vita e possono rendere difficile il raggiungimento di un obiettivo se perdiamo lucidità a causa dell’emotività. Al contrario, se governate in maniera corretta possono essere quell’aspetto fondamentale che ti aiuta a comunicare in maniera efficiente, che ti sprona ad auto motivarti, che ti spinge verso la realizzazione del tuo obiettivo.

L’intelligenza emotiva è una componente che ti permetterà di far parte di una squadra di lavoro. La connessione tra uomini difficilmente potrà essere sostituita da una macchina, quindi, empatia integrità e collaborazione saranno requisiti che dovranno far parte del tuo arsenale per stare al passo con il cambiamento.

Ps: un ottimo libro inerente a questo argomento è Intelligenza emotiva di Daniel Goleman.

2. Leadership

“Penso che una volta la leadership significasse imporsi; oggi è possedere le qualità necessarie per meritare la stima degli altri.”

Indira Gandhi

Il lavoro di squadra fa la differenza tra vittoria e sconfitta, la leadership, ovvero la capacità di saper guidare e ispirare gli altri, sarà una competenza sempre più richiesta.

Le persone assumeranno questo ruolo per lavorare con altri dipendenti, affrontare problemi, trovare soluzioni e rendere il gruppo di lavoro più efficiente.

3. Pensiero analitico

“Pensare è facile, agire è difficile, e mettere i propri pensieri in pratica è la cosa più difficile del mondo.”

Goethe

Abbiamo visto come sia importante la gestione delle emozioni e come esse possano influire sul futuro del lavoro. 

Il pensiero analitico segue questo principio, analizzare le informazioni in modo logico, razionale e riducendo al minimo l’emotività, eliminando i propri pregiudizi e quelli altrui in modo tale da trarre il massimo dalla situazione ed estrapolare da essa la soluzione migliore.

4. Creatività

Questo è un tema che potrà farti storcere il naso ma pensaci: qualche anno chi avrebbe mai immaginato l’esistenza di lavori come food blogger, influencers, social media marketing o simili?

La creatività è anche questo: sviluppare idee nuove, bisogni nuovi, risposte nuove a domande obsolete, non si tratta di cambiare ma di trasformare.

“Non c’è lavoro, il mercato è fermo e l’economia non gira, non troverò un lavoro

Questo è un buon modo di piangersi addosso ma che non ti porterà da nessuna parte. Non sederti sulla sedia comoda della mediocrità, alzati e impara a chiederti come mai qualcuno che ha vissuto le tue stesse esperienze ottiene più risultati. Non si tratta di fortuna, quella dura il tempo di un caffè e porta più danni che benefici se non sai gestirla.

Stiamo parlando di competenze, di innovazione, di cambiamento di pensiero, sappi che essere creativo sarà sempre più vitale per continuare a stare in questo grande ed eccitante gioco. 

5. Mentalità Growth

“Per avere di più di quello che hai, devi diventare di più di quello che sei. Se non cambi quello che sei, avrai sempre quello che hai.”

Jim Rohn

Per dare valore al tuo lavoro devi prima dare valore a te stesso. Com’è possibile che qualcuno guadagni il doppio, il triplo o 100 volte di più nello stesso tempo rispetto ad altri?

Jim Rohn, una delle figure più importanti nell’ambito motivazionale, spiega come bisogna cambiare per far sì che le cose migliorino.

Siamo pagati per il valore che diamo al mercato. Ci vuole tempo, ma non siamo pagati per il nostro tempo, siamo pagati per il nostro valore. Quello che devi fare per guadagnare di più soldi nella stessa quantità di tempo è diventare più prezioso.”

Jim Rohn

Ma come essere più prezioso? Investi su te stesso e sulla tua formazione, sei l’unica persona che può cambiare il tuo destino. Nessun’altro.

6. Capacità comunicativa

La capacità di comunicare sarà fondamentale, un’abilità necessaria durante questo cambiamento, una di quelle armi vincenti di cui non potrai fare a meno. Una comunicazione chiara ed efficace farà la differenza nella riuscita tra un ottimo lavoro e un lavoro fallimentare.  Quando la comunicazione non è chiara, si incorre in spiacevoli fraintendimenti. L’interpretazione personale, a volte, può portare verso la strada sbagliata perciò è importante essere chiari. Questo porta a confronti costruttivi piuttosto che a monologhi noiosi o discussioni perditempo.

Quando parliamo di comunicazione, ci riferiamo al senso più ampio della parola: a tutti i modi di comunicare, verbali e non. Parliamo di espressioni del viso: non serve che una persona manifesti di essere felice perché le sue espressioni parlano per lei, un sorriso pronunciato parla da sé. Parliamo di gesti: una stretta di mano tenace con un contatto visivo diretto caratterizza una personalità forte e decisa, mangiarsi le unghie indica nervosismo. Molte volte il nostro corpo dice più di quello che noi vorremmo far conoscere alle altre persone.

Lo sapevi che la Disney sta creando un robot umanoide che può imitare i movimenti facciali umani, il battito delle palpebre e i movimenti della testa? La stessa società spiega che è provato che lo sguardo è un segnale sociale chiave e che abbia la capacità di trasmettere anche stati sociali ed emotivi.

Immagina un robot che si comporti quasi come un essere umano. Siamo nel 2020, figuriamoci cosa riusciranno ad inventare tra 10 anni e attenzione perché il genio futuro potresti essere proprio tu.

“Se avete modo di osservare la persona con cui state comunicando direttamente, otterrete sempre una risposta prima che questa ci venga espressa.”

Richard Bandler

7. Culture e mentalità aperta

Non ci sarà spazio per le persone con una mentalità chiusa che si ferma ancora a suddividere gli essere umani per razza, cultura, sesso, religione. La globalizzazione ha permesso alle diverse culture di amalgamarsi, lavorare insieme per un futuro migliore.

Essere capaci di comprendere diverse culture cambierà la tua visione del mondo e ti permetterà di lavorare in maniera più efficace, più aperta, senza limiti mentali che ostacolino l’ampiezza delle tue idee e porterà il tuo lavoro ad un livello superiore. 

Pensa in grande, fai un passo in avanti. Etichettare le persone non serve a nulla. L’ unico colore del quale devi preoccuparti è quello che sceglierai per la tua penna quando firmerai il tuo nuovo contratto.

È vero che siamo tutti uguali. Tuttavia, non possediamo tutti le stesse capacità o, meglio ancora, non le sfruttiamo tutti allo stesso modo per questo ci sono persone che guadagnano milioni di euro e altre che fanno fatica a gestirne anche poche centinaia ma questo non dipende sicuramente dal colore della pelle, razza, religione, sesso, cultura di qualcuno.

Guarda Anche
Come trasformare passione in lavoro

“La diversità tra culture è qualcosa da valorizzare, non da temere.”

Kofi Annan

8. Flessibilità al cambiamento

Il Covid 19 ha messo alle strette gran parte della popolazione mondiale e ha evidenziato come sia importante essere flessibile ai cambiamenti e come siamo importante e vitale trasformare un brutto evento in una opportunità.

Siamo solo agli inizi di questo cambiamento e molti altri aspetti della nostra vita verranno mutati in futuro, quindi diventa essenziale avere una mente flessibile che accetti il cambiamento e tragga vantaggio da esso.

In questo periodo pensa a quante start up sono nate o quante aziende hanno rivoluzionato il loro modo di operare traendo da tutto questo un guadagno. Quindi, sta a te scegliere se vedere questo momento critico e quelli che verranno come un’opportunità o minaccia.

9. Tecnologia

Tutto sta cambiando e questa rivoluzione industriale sarà guidata dalla tecnologia e tutti dovremmo acquisire abilità tecniche per sfruttarla a nostro vantaggio. Non potremo più permetterci di pensare di farne a meno.

Basta guardare la percentuale di persone che, soprattutto dopo la pandemia, lavora da casa facendo smart working.

La tecnologia è il futuro e opporsi sarebbe come fare un passo indietro, usarla invece a nostro vantaggio può portare guadagni enormi. Abbiamo tutto al nostro servizio, dobbiamo scegliere solo quale pulsante premere.

10. Processo decisionale

Le macchine hanno capacità di calcolo impossibili per l’essere umano. Quello che ci differenzia da esse è la capacità di prendere decisioni riguardo i loro calcoli, verificare l’impatto che potrebbero avere su altre aree di lavoro, ad esempio sulle conseguenze che potrebbero portare sulle persone con cui lavoriamo.

La tecnologia ci sostituirà sul procedimento ma sarà l’essere umano a prendere decisioni su come sfruttare il loro lavoro. Immagina di essere un allenatore di una squadra di calcio che compete per il titolo, toglieresti dal campo il tuo miglior attaccante perché ha sbagliato due rigori sugli ultimi tre calciati? Non credo, è il tuo miglior attaccante! I robot potranno essere il braccio ma l’essere umano rimarrà comunque la mente.

Competenze necessarie per trovare lavoro nei prossimi anni

“La misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario.”

Albert Einstein

Il mondo del lavoro e non solo sta cambiando e con lui le nostre prospettive di vita. È normale che l’ignoto faccia paura ma ricordati che ogni cambiamento ha aiutato l’umanità a progredire. È necessario cambiare, sta a te decidere come.

Formati, dai valore a te stesso, ricordi che diceva Jim Rohn?

“Non siamo pagati per il tempo che dedichiamo al lavoro, ma per il valore che diamo al mercato”.

E tu? Quanto vali? Qual è il tuo valore? Quanto puoi fare la differenza ora e in futuro?

Hai già capito. Quello che sei, quello che vuoi, non dipende da cosa sta succedendo intorno a te ma da quello che sta accadendo dentro di te! Ascoltati, hai tanto da dire ma soprattutto è arrivato il momento di agire.

Ora che hai visto la skill più richieste dalle aziende nei prossimi anni, non aver paura del cambiamento, non pensare a ciò che eri ma a quello che diventerai.

Ero solito dire: “spero davvero che le cose cambino”. Poi ho imparato che il solo modo perché le cose cambino per me è quando provvedo io a cambiarle.

Jim Rohn

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Copyright © 2020 Alpha4All Limited

Torna all'inizio