Stai Leggendo
Meditazione: la guida per meditare al meglio

Meditazione: la guida per meditare al meglio

meditazione guida per meditare

Meditazione: importanza, benefici e guida per imparare a meditare 

La meditazione è un antidoto potentissimo per alleviare lo stress dei giorni nostri.

In un mondo frenetico come quello in cui viviamo, non abbiamo più il tempo di ascoltare la nostra mente.  

Il lavoro, la casa, le bollette, gli impegni: tutti occupano la nostra testa da mattina a sera, tutti i giorni. Ciononostante, siamo noi i primi a impegnarci per tenere ben riempite tutte le ore della giornata.

Ciò avviene perché, appena per un attimo rimaniamo soli con noi stessi, i cattivi pensieri riaffiorano alla nostra coscienza. Sensazione sgradevole, vero?

Molte persone li fermano a forza, altre li ignorano, pensando o facendo qualcos’altro. 

Tuttavia, quando non percepiamo l’energia che scorre nel nostro corpo, finiamo per vedere solo i suoi effetti, immobili e impotenti. Infatti, nonostante cerchiamo di evitarli, essi spuntano fuori quando meno te lo aspetti.

Dunque, nervosismo, ansia incontrollata e stress sono le emozioni che oggi prevalgono in tutti noi. 

A cosa serve la meditazione?

Ti pongo una domanda: quanto tempo è passato dall’ultima volta che hai avuto il tempo di annoiarti?

Probabilmente, da quando eri bambino. Questo accade perché da piccoli abbiamo molto più tempo per stare da soli con noi stessi. 

Ciò che scambiamo per noia, in realtà è il processo di creazione di un nuovo spazio creativo nella nostra testa. Esso ci permette di trovare la voglia di giocare, realizzarci, essere felici.

Non è vero che da adulti abbiamo meno fantasia, semplicemente non rimane spazio nella mente per farla crescere e manifestare.

Cos’è che accomuna tutti gli artisti, poeti e i grandi letterati, dalle persone comuni? Il tempo.

Essi hanno il tempo per sentire il proprio io, e manifestarlo scrivendo, componendo o disegnando. Hai mai visto un vero artista indaffarato da mattina a sera?

Dunque, anche tu puoi ritagliarti dello spazio per essere felice.

Perciò, di seguito scopriremo cosa vuol dire meditare, come si fa e perché può davvero cambiare la tua vita. Inoltre, daremo anche dei consigli pratici per integrarla man mano nella quotidianità.

Cos’è la meditazione?

Nell’immaginario comune, la meditazione comporta lo stare seduti immobili su un tappeto, per ore. Tuttavia, non è proprio così.

La meditazione è uno strumento che ci permette di raggiungere uno stato mentale di pace profonda, con noi stessi e col mondo. In questo stato la mente si acquieta, rimanendo comunque vigile.

Spesso a tutti noi capita di meditare, tutti i giorni. 

Hai presente quando ti fermi per un attimo a guardare nel vuoto, senza pensare a niente? Successivamente, ti accorgi di questo stato e ritorni a fare l’attività di prima.

Bene, in quel momento stavi meditando. La differenza consiste nel fatto che lo hai fatto per pochi secondi, e inconsapevolmente.

Meditare vuol dire essere presenti a se stessi, qui ed ora. Tutto ciò ti permette di mettere un faro di luce abbagliante sulla tua mente, per vedere i tuoi pensieri con più chiarezza.

Inoltre, come vedremo, ti consente di scegliere quali tenere, e quali invece lasciar andare.

Che tipi di meditazione esistono?

Ci sono migliaia di tipi di meditazione differenti, associati a culture e tradizioni diverse, anche a religioni. Ciò che è importante sapere, è che possono suddividersi in due macro-gruppi:

  • Focalizzazione
  • Osservazione 

La focalizzazione (meditazione focalizzata) riguarda il concentrarsi esclusivamente su qualcosa. Può essere il proprio respiro, oppure un’immagine di fronte a te, o un particolare di questa. 

Un esempio di questa tipologia è la meditazione zen.

Concentrarsi su un particolare, anche sconosciuto, permette di alleggerire la mente. Infatti, la concentrazione necessita di processi cerebrali che tendono ad appianare le emozioni, negative e non.

L’osservazione, invece, ti permette di prendere consapevolezza dei tuoi pensieri.

L’ascolto della nostra mente e delle emozioni ci permette di assistere da spettatori a ciò che succede nella nostra testa. 

Immagina di assistere dagli spalti ad una partita che hai giocato tu stesso in passato, a calcio, pallavolo ecc. Ciò senza dubbio ti permetterebbe di osservare la tua persona da un altro punto di vista.

Quali sono i benefici della meditazione?

Molti pensano che la meditazione serva unicamente per “svuotare” la mente, ed arrestare i pensieri. In realtà, fare ciò è quasi impossibile. Infatti è più semplice osservarli, e prendere consapevolezza degli stessi.

Tuttavia, i benefici che si possono ottenere meditando sono molteplici, e li elencheremo di seguito:

  • Riduce lo stress: il vero problema di oggi è che non si riesce più a controllare e dominare lo stress. Ciò che potrebbe farti stare meglio, è proprio una situazione di tranquillità, in primis con te stesso.
  • Aumenta la salute mentale: secondo molte ricerche scientifiche, la meditazione alimenta anche la pace e armonia, non solo con la propria mente, ma anche col mondo circostante. Tutto ciò può incidere notevolmente sull’irascibilità, paura, ansia, dolore. 
  • Diminuisce i dolori fisici: tutti queste sensazioni descritte in precedenza spesso si tramutano in dolori fisici. Perciò, non si può scollegare il sistema mente-corpo.
  • Migliora il sonno: un altro aspetto comune di oggi è proprio il sonno, si dorme poco e male. La prima causa di tutto questo è proprio una sensazione di angoscia costante, associata allo stress.
  • Migliora l’autoconsapevolezza: la meditazione aiuta anche a prendere coscienza dei nostri veri valori, che talvolta dimentichiamo. Ci rende mentalmente forti, e permette di resistere alle tentazioni di ricadere nelle abitudini dannose. 

Come iniziare la meditazione?

Come anticipato prima, ci sono migliaia di tecniche meditative diverse. Ciò che è importante sapere, è che l’obiettivo comune è quello di rimanere per abbastanza tempo rilassati, presenti e concentrati.

Naturalmente, chi inizia da zero non può pretendere di riuscirci al primo tentativo. La meditazione è un’abilità, e come tale deve essere acquisita col tempo e l’esercizio.

Guarda Anche
work-life-balance

Dunque, come quando si impara a suonare la chitarra, non si può pretendere di interpretare fin da subito un brano dei Led Zeppelin.

Come meditare da soli? Da dove iniziare

Puoi cominciare con la concentrazione su un oggetto, o una tua parte del corpo. Esso può essere un quadro, lo spigolo di un tavolo, oppure anche il tuo respiro, o il battito cardiaco.

Contrariamente a quanto si possa pensare, puoi meditare in questo modo in qualsiasi luogo. Seduto sull’autobus, oppure mentre cammini.

Prova a concentrarti sulle caratteristiche dell’oggetto in questione, e sulle tue sensazioni a riguardo. 

La tua mente tenderà a vagare per conto suo, tu pensa soltanto a riportarla alla concentrazione. Bastano pochi minuti al giorno, e man mano si potrà aumentare la durata gradualmente.

All’inizio ti sembrerà inutile, ma solo praticando tutti giorni, anche per pochi minuti, potrai riscontrarne gli innumerevoli benefici.

La cosa importante da capire è che non importa quanto la tua mente in quel momento sia stressata, felice o impaurita. Ciò che conta è vivere consapevolmente quello stato mentale, presente a te stesso.

Bisogna guardarsi dentro da un punto di vista imparziale, quindi senza giudizi, né positivi né negativi.

Consigli pratici per meditare

Di seguito, elencheremo alcuni consigli dati dagli esperti, per dare un punto di partenza per approcciarsi alla meditazione. 

  1. Non sforzarti di non pensare, all’inizio limitati solamente ad osservare dall’esterno il flusso dei tuoi pensieri. Essi sono come le macchine che passano su un’autostrada. Cercare di fermarle fin da subito vorrebbe dire provare a passare a piedi in mezzo alla strada senza farci investire. All’inizio, limitati a sederti sulla banchina, e solamente osservare le macchine che passano.
  2. Pratica con costanza. Il cervello funziona come un muscolo, più input gli dai e più seguirà le tue indicazioni. Non serve meditare per ore all’inizio, basta anche un minuto al giorno, che potrai aumentare via via con il tempo. Ciò che è importante è farlo con costanza, per dare continuità al processo di apprendimento di una nuova abilità.
  3. Non aspettarti risultati fin da subito. All’inizio ti sembrerà di fare una cosa insensata, perché non vedrai risultati macroscopici. Tuttavia, ti dovrai armare di pazienza, perché il risultato finale sarà un miglioramento costante nella tua vita. Cambierà completamente la tua percezione delle cose, molto più serena e genuina.
  4. Non ti arrendere ai pensieri negativi. Non conta quello che succede fuori da noi, bensì conta la nostra reazione, che dipende interamente da come noi scegliamo di reagire. Talvolta, le emozioni negative sono difficili da contenere, ma con l’esercizio aumenterai via via il tuo self control. Con l’allenamento avrai man mano sempre più potere su te stesso, e su come reagire a tutte le situazioni. 

Conclusioni

Abbiamo visto cos’è la meditazione, i benefici nel lungo termine, i consigli pratici per approcciarsi al meglio.

I nostri obiettivi possono essere di vario genere come allontanare ansia e stress, eliminare una paura incontrollata, o vivere con serenità e gioia tutte le nostre giornate. 

Molti dicono: “Non ho tempo”, “Non è per me”, “Non sono portato”.

Come abbiamo visto, la meditazione non richiede tanto tempo, solo quello che tu scegli di dedicare. 

Dunque, non è vero che non sei portato, solamente perché hai già provato in passato a praticarla senza esito positivo. I risultati arrivano col tempo, e in modo del tutto quasi impercettibile inizialmente.

Perciò, ora tocca a te provare a cambiare la tua vita. Vale la pena eliminare tutte le emozioni che ti logorano dentro e ti tolgono energia per vivere? Vale la pena scegliere di vivere, invece di sopravvivere?

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Vedi commenti (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Copyright © 2020 Alpha4All Limited

Torna all'inizio